HomeSportsRugby

Rugby

Il rugby ad Udine arriva nel lontano 1928; lunedì 30 gennaio 1928 il quotidiano udinese “La Patria del Friuli” annuncia infatti, per il successivo 15 aprile allo stadio Moretti, l'incontro tra il Nucleo Universitario Fascista Friulano (antesignano della Rugby Udine) ed i Leoni San Marco; questa, tra l'altro, è la prima partita di rugby in assoluto giocata nel Triveneto.

Negli anni successivi la Rugby Udine disputa i vari campionati e tornei federali e, dopo la pausa bellica, si affilia alla Federazione nel 1946.

Con alterne fortune la Rugby Udine, sino al 1982/1983, ondeggia tra la serie A e la serie B; in quel periodo, tuttavia, si colloca quello che ad oggi è il più bel successo della palla ovale udinese e cioè la conquista del Trofeo Federale nel 1969 dopo la finale con la Partenope Napoli. 

Nell'autunno del 1976 viene inaugurato il Rugby Stadium di Udine, che diverrà poi “Otello Gerli”, in memoria di uno dei pionieri del rugby in città.

La Rugby Udine rimane in serie B fino al campionato 1982/1983, poi retrocede in serie C1 e quindi, alla fine del campionato 2000/2001, in serie C2. 

In quegli anni lo spirito e la sostanza del rugby udinese vengono salvati e conservati a prezzo di duri sforzi da un manipolo di giovanissimi giocatori ed appassionati dirigenti. Sono gli anni in cui l'abbandono pressochè totale e progressivo dei giocatori simbolo del rugby udinese costringe i dirigenti e gli allenatori a schierare formazioni imbottite di giovani di belle speranze, ma di scarsa esperienza. 

In questo periodo transitano tuttavia ad Udine atleti ed allenatori di chiara fama, primi fra tutti Oscar Collodo e Gianni Zanon, già azzurri e, come tecnici, freschi vincitori dello scudetto con la Benetton Treviso, che portano un bagaglio di conoscenze ed esperienza che tuttora sta dando i suoi frutti. 

Nel giugno 2001, dopo la retrocessione in C2 e quando tutto sembrava mettersi al peggio, un gruppo di dirigenti, assicuratasi la fiducia dei giocatori autoctoni, chiede aiuto ad una vecchia volpe dei tecnici regionali, quel Giovanni Cantiello che può garantire, oltre ad una conduzione tecnica di polso, anche l'apporto dei giocatori della destra Tagliamento, rimasti senza un punto di riferimento.

Il salto dalla C2 alla C1 è presto fatto e, nel maggio 2002, al termine  di una stagione trionfale in C1, la Rugby Udine è di nuovo in serie B. 

Dopo un anno di transizione in serie B, la Rugby Udine, al termine della stagione 2003/2004 ed alla guida dei tecnici bellunesi Gustavo Dalla Cà e Luigi Liguori (che avevano condotto prima l'under 21 e poi l'under 19 udinesi ai vertici nazionali) è approdata finalmente alla serie A, campionato che anche quest'anno, per l'undicesima volta, si appresta a disputare.

Da questa stagione la Rugby Udine svolge la sua attività sportiva nell'ambito del progetto Rugby Udine Union FVG,  studiato ed attuato assieme alla Leonorso Rugby Udine (uno degli altri Clubs udinesi) e propedeutico all'eventuale ingresso anche di altre realtà regionali.

Il gruppo Rugby Udine Union FVG conta oggi circa 400 tesserati, che disputano tutti i campionati di categoria dalla under 6 alla seniores.

Le due formazioni seniores disputano rispettivamente il campionato di serie A ed il campionato di serie C1.

Fanno parte del progetto anche la formazione femminile delle Black Lionesses e la squadra “old” degli Urogalli.

La Rugby Udine ha stipulato una convenzione con l'Università degli Studi di Udine con lo scopo  di favorire la partecipazione ai corsi di studio universitari di atleti impegnati in attività agonistica, già tesserati o che procederanno al tesseramento con la Rugby Udine.

A tal fine sono stati individuati strumenti didattici e organizzativi che consentono agli studenti atleti di gestire nel miglior modo possibile le esigenze legate allo svolgimento delle attività sportive con quelle di studio.

Gli atleti sono selezionati sulla base dei requisiti annualmente previsti dal bando di selezione, che prevede una valutazione del merito scolastico e sportivo.

 

10339388_868794899847424_5515604995742939992_o 10379763_802478023145779_6494106834104139364_o 10390889_781134645280117_1930863924194783478_n 10537483_792104017516513_3714556976357352578_o 10626715_776323769094538_3828393821459332958_n 10687315_872480219478892_7099181648045730659_o 10830924_798816626845252_4467143619582661827_o 10838165_795379027189012_6595783385165528490_o 11020751_862556727137908_6886254364398502397_o 11021545_876155709111343_2447163595931703752_o 11027511_872951689431745_9004399564687560661_n 11053693_885169488209965_1048934555140288042_o 11141127_879336998793214_642209918584584711_o 12186623_967040020022911_8561922249574670418_o 12764532_1025527124174200_8293904309566054431_o 12829064_1038155166244729_8401291443693043709_o 12967541_1056737364386509_9205755828447157455_o 12977027_1060929687300610_4364778925291790230_o 12983815_1065367053523540_2732175121514136_o 13055898_1069523863107859_7815413678244804007_o
A.S.D. Polisportiva Udinese via Longarone, 28 33100 Udine (UD) P.IVA/CF 02619960301
Tel. 0432.544911 info@polisportivaudinese.it
Cookie Policy - Privacy - Credits